Residency program / Cosenza (It).

Giovanni Longo tra i ventitré artisti invitati per le residenze internazionali Bocs Art che si svolgeranno dal 6 al 28 ottobre a Cosenza.

Ventitré artisti, selezionati e invitati dall’Associazione Culturale I Martedì Critici, nelle persone del Direttore Artistico Alberto Dambruoso e della Curatrice Associata Annalisa Ferraro. Sono i protagonisti della terza sessione di residenza del progetto BoCs Art, che inaugurerà il prossimo 6 ottobre. Avviata nel 2015, la residenza ha accolto ad oggi circa 270 artisti. I nuovi ospiti lavoreranno in città fino al 28 ottobre, esprimendosi tra pittura e scultura, fotografia e video arte, tra performance e installazioni, in continua relazione con il contesto territoriale e con i suoi abitanti.
Un lavoro a vista sulla città, grazie alle alte vetrate dei box-atelier che consentono a curiosi e appassionati di osservare tutti i momenti della creazione artistica, dall’ideazione alla progettazione e fino alla realizzazione.
Come per ogni periodo di residenza, al termine, nella serata di finissage, che per questa sessione cade il 27 ottobre, gli artisti, insieme all’Associazione Culturale I Martedì Critici, presenteranno le loro opere al Sindaco Mario Occhiuto e alla città, donandole all’Amministrazione comunale per il futuro Museo di Arte Contemporanea.

Giovanni Longo, Bocs 7, Cosenza (Ph M. Lacopo)
Giovanni Longo, Bocs 7, Cosenza (Ph M. Lacopo)

Eccoli gli artisti che parteciperanno alla terza sessione della seconda edizione del progetto BoCs Art: Andrea Casciu, Davide Bramante, Alberto Timossi, Giovanni Longo, Dario Carratta, Antonio Trimani, Anna Corcione, Rosaria Corcione, Marisa Facchinetti, Fiorenzo Zaffina, Alexandra Marinova, Francesco Bancheri, Mauro Magni, Angelo Colagrossi, Simone Marini, Mimmo Rubino, Massimo Pastore, Chiara Arturo, Mat Toan, Alice Paltrinieri, Camilla de Maffei, Linda Cuglia, Elena Monzo.

Durante la permanenza di ottobre, sarà ospite a Cosenza, per un reportage sulle residenze BoCs Art, Filippo Tommasoli, quarta generazione di una famiglia di fotografi il cui studio ha sede a Verona dall’inizio del Novecento.

[Fonte: www.comune.cosenza.gov.it]